Phase-down degli HFC (regolamento F-Gas)

  • Il regolamento sugli F-gas dell’UE è entrato in vigore il 1° gennaio 2015. Il regolamento impone il phase-down degli HFC fra il 2015 e il 2030 tramite un sistema di quote e divieti settoriali per i refrigeranti a elevato GWP. L’R404A/R507 in particolare è sotto pressione ed è probabile che sarà proibito in tutti gli impianti commerciali.

    Dal momento che il regolamento è stato appena adottato, c'è ancora una grande incertezza su cosa accadrà. Danfoss segue la situazione molto da vicino e, come tanti altri esperti, prevede che l’uso di refrigeranti naturali e di altri refrigeranti a basso GWP continuerà ad aumentare insieme alle soluzioni intermedie, come per esempio 407A/F come sostituto di R404A; anche se queste soluzioni sono intermedie, è probabile che saranno ancora utilizzate per diversi anni. Riteniamo inoltre che le nuove miscele svolgeranno un ruolo inedito.

    È tuttavia certo che la disponibilità è ridotta e che l'aumento dei prezzi degli HFC tradizionali a causa delle quote imporrà radicali cambiamenti nel settore della refrigerazione e del condizionamento dell’aria.

    Il phase-down è controllato da un sistema di quote per assicurare la riduzione dell’approvvigionamento di HFC, con un conseguente aumento nei prezzi del refrigerante. Il 2018 sarà sicuramente un anno critico in termini di bilanciamento della domanda/offerta.

     

  • HFC phase down (F-gas regulation)
  • Il nuovo regolamento sugli F-gas dell'UE stabilisce inoltre il divieto della manutenzione di apparecchiature con refrigeranti con un GWP >2500 (404A/507):
    - Esenzione per cariche inferiori a un equivalente di 40 tonnellate di CO2 (per R404A, 10,2 kg)
    - Esenzione per temperature inferiori a -50˚C
    - Esenzione per le apparecchiature militari

     

  • HFC Phase Down (F-gas Regulation)
  • Dal 2020, solo refrigeranti riciclati con un GWP >2500 possono essere usati per la manutenzione. Dal 2030, nessuna manutenzione è consentita.

    Questo significa che gli impianti di refrigerazione a R404A nei supermercati possono utilizzare R404A riciclato dopo il 2020 o passare a nuove miscele drop-in come R407A&F.

    Sarà ancora consentito utilizzare apparecchiature pre-caricate. Dal 2017, tuttavia, il sistema delle quote sarà applicato anche alle apparecchiature pre-caricate importate nell'UE. Gli importatori devono confermare la conformità in un’apposita dichiarazione, sottoposta ad audit ogni anno da una società esterna. Quando apparecchiature non ermeticamente sigillate sono vendute agli utenti finali, è necessario dimostrare che l'installazione sarà effettuata da una società certificata.

    La definizione di sistema ermeticamente sigillato rimane invariata ed è la stessa di quella riportata nel regolamento sugli F-gas corrente. È possibile utilizzare valvole con cappucci, per es. valvole di servizio, valvole a sfera o TXV con funzioni di regolazione.

     

  • Frequenza test di perdite, documentazione e reporting

    Frequenza check perdite:

    Equiv. di CO2

    Anno

    R-134a

    R-407C

    R-410A

    R-404A

    GWP: 1430

    GWP: 1770

    GWP: 2090

    GWP: 3920

    Apparecchi non ermeticamente sigillati:

    Ogni 12 mesi (ogni 24 mesi se è installato un sistema di rilevamento delle perdite di gas)

    ≥5 t

    2015

    3,5 kg

    3,0 kg

    3,0 kg

    3,0 kg

    2017

    3,5 kg

    2,8 kg

    2,4 kg

    1,3 kg

    Apparecchi ermetici sigillati:

    Ogni 12 mesi (ogni 24 mesi se un sistema di rilevamento delle perdite di gas è installato)

    ≥10 t

    2015

    7,0 kg

    6,0 kg

    6,0 kg

    6,0 kg

    2017

    7,0 kg

    5,7 kg

    4,8 kg

    2,6 kg

    Tutti i sistemi

    Ogni 6 mesi (ogni 12 mesi se un sistema di rilevamento delle perdite di gas è installato)

    ≥50 t

    2015

    35 kg

    28 kg

    24 kg

    13 kg

    Tutti i sistemi

    In pratica, ogni 6 mesi in base ai requisiti del sistema di rilevamento delle perdite di gas (dal 2017 per il ciclo di Rankine organico) Altrimenti, ogni 3 mesi.

    ≥500 t

    2015

    350 kg

    282 kg

    239 kg

    128 kg

     

  • Formazione e certificazioni

    Il personale incaricato dell’installazione, manutenzione, controllo delle perdite e messa fuori servizio degli impianti deve essere adeguatamente addestrato. Le certificazioni esistenti saranno ancora valide e le aziende che delegano questi compiti ad altre società dovranno adottare misure ragionevoli per assicurare che l'attività sia svolta da personale qualificato. Le certificazioni rilasciate in un paese saranno accettate in tutti gli altri paesi.

     

  • Documentazione

    Gli interventi di manutenzione delle apparecchiature che prevedono la carica e la rimozione di refrigerante e il controllo delle perdite devono essere documentati sia dal gestore del sistema sia dalla società di manutenzione.

    I nuovi requisiti per la documentazione sono i seguenti:
    - Entrambe le parti devono conservare la documentazione per 5 anni.
    - In alcuni paesi, la documentazione sarà archiviata tramite l’inoltro a una banca dati nazionale.
    - In altri paesi, è probabile che i registri dei sistemi e del personale di servizio siano sufficienti.

    Anche le società che acquistano o vendono HFC devono sottostare a questi requisiti di documentazione.

     

  • Reporting

    L’importazione, l’esportazione o la produzione di gas fluorurati devono essere comunicate alla Commissione se in quantità superiori a un equivalente di 100 tonnellate di CO2 o 1 tonnellata metrica.

    La Commissione deve essere informata anche quando si introducono prodotti sul mercato che contengono un equivalente di 500 tonnellate di CO2 all’anno. Questo equivale a:
    - 349,65 kg di R134a, oppure
    - 282,49 kg di R407C, oppure
    - 239,23 kg di R410A, oppure
    - 127,55 kg di R404A.

    Gli importatori devono dimostrare che il sottoprodotto R23 della produzione di HFC è stato distrutto.

     

  • Etichettatura

    Dal 2017, le apparecchiature di refrigerazione, condizionamento dell’aria, pompe di calore e a ciclo Rankine organico devono essere dotate di etichetta contenente:
    - Informazioni che l'apparecchio contiene o utilizza HFC
    - Tipo di refrigerante
    - Quantità di refrigerante espressa in peso e in equivalente di CO2
    - GWP del refrigerante
    Se l'apparecchio è ermeticamente sigillato, questo deve essere indicato.
    Le informazioni devono essere anche incluse nei manuali di istruzioni e le descrizioni utilizzate nella pubblicità. I contenitori di HFC devono essere etichettati come sopra, ma devono anche riportare se l’HFC viene recuperato per essere distrutto, per scopi militari o per esportazione diretta.

     

Diventa social Partecipa

Vuoi parlare con noi?

Vieni a conoscerci e a scambiare due chiacchiere con noi